Novità cedolare secca negozi: si può richiedere anche per le annualità successive al 2019.

Novità cedolare secca negozi: si può richiedere anche per le annualità successive al 2019.

Novità cedolare secca negozi: si può richiedere anche per le annualità successive al 2019.

L'Agenzia delle Entrate permette l’opzione della cedolare secca sulle locazione di immobili commerciali anche nelle annualità successive alla stipula del contratto: la risposta del Fisco all'interpello n.388 del 22 settembre.

L'estensione della cedolare secca con aliquota al 21% consentiva, in presenza di determinati requisiti, di avvalersi del regime fiscale sostitutivo anche a chi stipulava un contratto di locazione che avesse come oggetto unità immobiliari classificate nella categoria catastale C/1, cioè negozi e botteghe, e alle relative pertinenze.

Accolta come una delle maggiori novità inserite nella Legge di Bilancio 2019, questa misura che puntava a rianimare parte delle centinaia di migliaia di locali vuoti, non è stata confermata per l'anno in corso.

Ciò significa che per i contratti stipulati nel 2020 non è più possibile scegliere il regime facoltativo; tuttavia di recente l'Agenzia delle Entrate ha precisato che per i contratti di locazione stipulati o rinnovati nel 2019, per i quali non sia stato scelto subito il regime della cedolare secca, l'opzione può essere comunque effettuata nelle annualità successive.

L'aggiornamento arriva con la risposta del Fisco all'interpello n.388 del 22 settembre.

Nello specifico, l'interpello è stato presentato da una contribuente che, con la madre e i fratelli, ha concesso in locazione nel 2013 un laboratorio artigianale (categoria catastale C/3) di 90 metri quadrati, passato poi a categoria catastale C/1 nel 2018.

A seguito del decesso di due familiari e degli accordi in sede di divisione ereditaria, la donna è rimasta l’unica dante causa nel contratto di affitto, che era valido per sei anni e tacitamente rinnovabile per altri sei.

Le parti coinvolte dal contratto hanno tacitamente rinnovato l’accordo al 1° maggio del 2019 e l’istante ha chiesto di poter optare per il regime alternativo a partire dalla seconda annualità.

L’Agenzia delle Entrate ha risposto citando la circolare n. 8/E del 2019 (punto 1.9), ricordando che se l’opzione non viene scelta in sede di registrazione del contratto, è possibile accedere al regime della cedolare secca per le annualità successive, esercitando l’opzione entro il termine previsto per il versamento dell’imposta di registro dovuta annualmente sull’ammontare del canone relativo a ciascun anno (30 giorni dalla scadenza di ciascuna annualità). Entro lo stesso termine è possibile revocare l’opzione per il regime della cedolare.

In altre parole, si può concludere che il contratto che poteva beneficiare della cedolare secca non perde tale diritto se nel 2019 non è stata esercitata l’opzione, dal momento che quest'ultima si può richiedere per le annualità successive.

L'Agenzia delle Entrate dunque permette la cedolare secca per i canoni che derivano dalla locazione di immobili destinati all’uso commerciale anche negli anni successivi alla stipula del contratto o alla sua proroga.

La procedura per avvalersi della cedolare secca, da effettuare entro il termine previsto per il versamento dell’imposta di registro dovuta annualmente sull’ammontare del canone, prevede la comunicazione all’Agenzia delle Entrate, tramite il modello RLI entro 30 giorni dalla scadenza di ciascuna annualità.

Si possono utilizzare i servizi online dell’Agenzia (software RLI o RLI-web), oppure presentare il modello allo stesso Ufficio dove è stato registrato il contratto.

Continua a seguire il blog e la pagina Facebook dell'Agenzia Immobiliare 2V per restare aggiornato sulle ultime notizie e se hai bisogno della guida di un professionista per l'affitto, la vendita o l'acquisto di un immobile, non esitare a contattarmi.

Parlami del tuo progetto; con l'Agenzia 2V al tuo fianco hai la certezza di realizzalo in modo sicuro e trasparente.

Ti aspetto!

Veronica Giuntini

Titolare dell'Agenzia Immobiliare 2V